03/18/2014

Cupertinum - Cantina Sociale Cooperativa di Copertino

CUPERTINUM Premi e riconoscimenti 2014


È un’ottima annata! Miglioramenti e conferme arrivano da parte delle Guide ai Vini 2014.


Innanzitutto I VINI D’ITALIA / L’ESPRESSO – curata da Ernesto Gentili e Fabio Rizzari – non ha alcuna esitazione a inserire la Cupertinum tra le migliori Cantine d’Italia. Qui non si scherza! Il Copertino Riserva 2007 è tra i Vini Eccellenti d’Italia: si aggiudica il simbolo delle 5 Bottiglie (“i vini che più di altri ci hanno emozionato”) e un punteggio stellare di 18/20: così si esprimono i curatori della Guida: “si ritrova tutto il fascino del Negroamaro ‘d’antan’, per quanto possa suonare retorico, pare proprio di sentirci le terre rosse seccate dal sole, la brezza del mare e gli alberelli rimodellati dal vento. Come dire: un sorso di terroir. Inebrianti profumi di distillato di mora, liquirizia, gariga, olive; palato di straordinaria pienezza, vibrante all’attacco, più rilassato in chiusura, tuttavia sempre ritmato, dinamico, in un continuo rilancio di sapore”. “4 Bottiglie”, vini di livello molto alto, anche al Copertino Doc 2009 (“complesso all’olfatto, ruggine e menta, ciliegie sotto spirito, senso di naturalezza allo sviluppo al palato, flessuoso, profondo”) e al Negroamaro 2010 (“toni lievi di cacao, fruttato maturo e tonico, palato ben modulato, continuo, articolato, bei tannini”), note di merito per gli altri vini e “Stella” confermata anche all’azienda: “cooperativa tra le più encomiabili, di alto livello qualitativo; rappresentatività del territorio; presenza di uno stile definito, riconoscibile e stabile nel tempo”. Copertino Riserva e Negroamaro sono anche inseriti tra i migliori 10 vini pugliesi per il rapporto qualità-prezzo;


VINIBUONI D’ITALIA. Per la Guida del Touring Club, condotta da Luigi Cremona e Mario Busso, il Copertino Doc è “Vino da non perdere! …con profumi più complessi; dal tabacco al sottobosco, dal cuoio dolce ai balsami. Al gusto è fresco, balsamico, tannini di rango. Finale lungo e morbido”;


Su I VINI DI VERONELLI, Daniel Thomases e Gigi Brozzoni assegnano le Due Stelle al Settantacinque Riserva Copertino Doc e una Stella a tutta la schiera dei vini Cupertinum.


SLOW WINE. La Guida di SlowFood, curata da Giancarlo Gariglio e Fabio Giavedoni e, per la Puglia, da Francesco Muci, nella scheda dedicata alla Cantina, scrive che la Cupertinum “con quasi 80 anni di storia alle spalle, rappresenta una parte importante della storia contadina, viticola ed economica dell’intero territorio salentino. Infatti la Doc Copertino è nata grazie alla passione e all’impegno dei soci e amministratori della Cantina”. “La gestione tecnica è affidata al brillante Giuseppe Pizzolante Leuzzi”. “I vini rappresentano la tipicità del territorio e sono caratterizzati da un buon rapporto tra la qualità e il prezzo”.  Segnalazioni per: Copertino Doc Riserva 2007, Copertino Doc 2010, e per gli Igt Salento Negroamaro 2010, Spinello dei Falconi Rosato 2012, Glikòs Passito 2012, Cigliano Bianco 2012;


All’ANNUARIO DE MIGLIORI VINI D’ITALIA, curato da Luca Maroni, piace innanzitutto il Glikòs Passito di “…qualità superiore e suadenza avvolgente. Un grande vino di eccellenti doti viticole…” e segnala la “sostanziale crescita qualitativa” di tutta la gamma dei Vini dal “nitore enologico esecutivo”.


Ricordiamo infine che nel corso del 2013 importanti giornalisti e assaggiatori hanno dedicato ai vini della Cupertinum bellissimi articoli e recensioni, tra cui quelli su Il Messaggero, Cucchiaio d’Argento, Corriere del Mezzogiorno/Corriere della Sera, Arbetarbladet.


Ultima buona nuova: la Guida Vini Eccellenti d’Italia di Tavolaegusto incorona la Cupertinum con il Premio Azienda di Qualità e il Grappolo d’Oro al Copertino Doc Riserva. Una bella coincidenza perché proprio 50 anni fa, nel 1963, la Cantina veniva premiata con l’omonimo trofeo Grappolo d’Oro, che in quegli anni era il massimo riconoscimento della storica Mostra Nazionale dei Vini di Pramaggiore. Come dire: mezzo secolo di consensi!


Exhibitor Data Sheet